Cristoforo Colombo. Come si costruisce e s’abbatte un mito, di Francesco Guidi Bruscoli

Sull’onda della furia “iconoclasta” che ha portato all’abbattimento delle statue di confederati, negli Stati Uniti si è iniziato a mettere in dubbio l’opportunità di conservare le moltissime statue dedicate al navigatore genovese. di Francesco Guidi Bruscoli Nel 1958 un gruppo marmoreo, opera del napoletano Luigi Persico, fu rimosso dalla scalinata di ingresso orientale del Campidoglio di Washington, dove era stato collocato più di un secolo … Continue reading Cristoforo Colombo. Come si costruisce e s’abbatte un mito, di Francesco Guidi Bruscoli

Giovanni Anselmo e Elisabetta Di Maggio alla Querini Stampalia, di Giuliano Sergio

Giovanni Anselmo e Elisabetta Di Maggio alla Querini Stampalia di Giuliano Sergio Nel grande palinsesto veneziano di questi mesi poche sono le mostre capaci di proporre un reale dialogo con gli spazi della città, spesso usati come contenitori e vetrine. Il visitatore, stordito da tanta offerta, troverà un’oasi di pace alla Fondazione Querini Stampalia. Per l’appuntamento con la Biennale Arte, Chiara Bertola ha allestito due … Continue reading Giovanni Anselmo e Elisabetta Di Maggio alla Querini Stampalia, di Giuliano Sergio

Da Umberto Boccioni a Mimmo Rotella – IL NOVECENTO ARTISTICO E LA CALABRIA NELLA COLLEZIONE DEL«MAON»

Da Umberto Boccioni a Mimmo Rotella IL NOVECENTO ARTISTICO E LA CALABRIA NELLA COLLEZIONE DEL «MAON» dalla nostra redazione ________________________________________________ Evento eccezionale al MAON (Museo d’arte dell’Otto e Novecento) di Rende/Cs nell’ambito delle manifestazioni programmate per i VENTI ANNI del museo e del collegato Centro «A. Capizzano» (1997-2017): il 27 luglio scorso è stato presentato al pubblico in PRIMA ASSOLUTA il dipinto inedito di Umberto … Continue reading Da Umberto Boccioni a Mimmo Rotella – IL NOVECENTO ARTISTICO E LA CALABRIA NELLA COLLEZIONE DEL«MAON»

Mark Tobey – L’arte di “lasciare libero il passaggio”, di Dennis Ercole

Luce filante: una nuova retrospettiva su “Il mistico del Northwest” alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia di Dennis Ercole  Si tratta di osservare, semplicemente porre attenzione a ciò che incontra il nostro sguardo, senza pregiudizi, cogliendo le cose in sé qui ed ora. Infiniti piccoli mondi restano celati ai nostri occhi, fino a quando non “lasciamo libero il passaggio”: il mettere da parte i ragionamenti, … Continue reading Mark Tobey – L’arte di “lasciare libero il passaggio”, di Dennis Ercole

Ricominciare la vita. Storie in mostra, di John Francis Phillimore

“Anew, how it begins/come comincia”. Un’esibizione itinerante che mostra i racconti del punto di svolta nella vita di persone normali – e speciali, realizzata su progetto di Manuela Cattaneo della Volta. Ytali l’ha intervistata Scritto da John Francis Phillimore Tanto per cominciare: In momenti come questi, in cui ogni evento sembra più deprimente del precedente (magari con l’eccezione della vittoria di Macron in Francia, da … Continue reading Ricominciare la vita. Storie in mostra, di John Francis Phillimore

Il Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso apre con la Belle Époque, di Ennio Pouchard

  Illustri persuasioni, capolavori pubblicitari dalla Collezione Salce è il titolo comune della serie di esposizioni tematiche quadrimestrali con le quali il Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso, diretto da Marta Mazza, affronta il compito di far conoscere il proprio tesoro: “Quattro mesi — dice la direttrice — sono il tempo massimo previsto dai protocolli di conservazione di questi preziosi e fragili materiali“. La prima … Continue reading Il Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso apre con la Belle Époque, di Ennio Pouchard

L’orgoglio della differenza: artiste ebree del Novecento italiano, di Marina Bakos

L’orgoglio della differenza: artiste ebree del Novecento italiano di Marina Bakos Unica nel suo genere la mostra Ebraicità al Femminile. Otto artiste del Novecento presenta un’accurata selezione di opere di artiste che hanno saputo tenere presente il loro essere donne ed ebree nella ferma volontà di perseguire un’identità artistica di totale autonomia e innegabile rilievo. La mostra è stata promossa dalla Comunità Ebraica di Padova … Continue reading L’orgoglio della differenza: artiste ebree del Novecento italiano, di Marina Bakos

Credere o non credere? Questo è il (vero) problema dell’arte. Damien Hirst fictive storyteller dei tesori in mostra per la Fondazione François Pinault, di Eleonora Charans

“Dato in crisi da alcuni, senza idee da altri come una Araba fenice, eccolo risorgere con questa mega mostra che dividerà il pubblico, i fan e gli acerrimi nemici del suo lavoro in violentissimi gruppi di opinioni”, “l’arte ha bisogno di storie, non importa quando assurde siano, storie da ascoltare, storie da raccontare”, “l’opera d’arte diventa allora l’impresa nel suo insieme, nella sua costruzione più … Continue reading Credere o non credere? Questo è il (vero) problema dell’arte. Damien Hirst fictive storyteller dei tesori in mostra per la Fondazione François Pinault, di Eleonora Charans

Rita Kernn-Larsen. Dipinti surrealisti – Collezione Peggy Guggenheim (Venezia)

A cura di Gražina Subelytė Project Rooms, Collezione Peggy Guggenheim (Venezia) di Saverio Simi de Burgis Una piccola mostra dedicata a Rita Kernn-Larsen è visitabile ancora per i prossimi mesi presso la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Si tratta di circa una decina di dipinti, tutti realizzati nella sfera degli interessi dell’artista danese di origine, poi attiva tra Parigi, Londra, Oslo e altre città europee. … Continue reading Rita Kernn-Larsen. Dipinti surrealisti – Collezione Peggy Guggenheim (Venezia)

La polivocità del segno. Una nota sul lavoro di Sara Campesan, di Riccardo Caldura

Frequentavo all’inizio degli anni ’80 insieme ad altri amici, che avevano una qualche vena poetica e il sottoscritto pure una qualche pretesa nel mondo delle immagini, lo spazio di via Mazzini 5, a Mestre. Era la sede del sodalizio Verifica 8+1. Sara Campesan di quello spazio, insieme a Sofia Gobbo (è quest’ultima la +1 aggregata ad un ottetto artistico), era l’animatrice, precisa, seria, osservazioni puntuali … Continue reading La polivocità del segno. Una nota sul lavoro di Sara Campesan, di Riccardo Caldura